giovedì 4 dicembre 2008

Cose da matti

C'era una volta una carta bancomat blu, di nome P.I.
Una sera di dicembre, in una libreria, decide di non permettere alla sua padroncina di pagare l'acquisto di un libro cercato in lungo e in largo.
Fortunatamente, la padroncina ha con sé un po' di vile denaro e riesce ad uscire dalla libreria con l'oggetto del desiderio (e della necessità, dato che le servirà per scrivere un paper, ma questa è un'altra storia).
Mentre le ronza in mente l'arcano anatema TRANSAZIONE NEGATA, la padroncina si reca al Castello di Denari per provare ad utilizzare la sua tessera magica.
Ma, non appena la padroncina inserisce la tessera nella fessura tra le pareti del castello...
GLUB!
Il castello le inghiottisce la tessera!
"Oibò!", esclama la padroncina perplessa, "Cosa accade? E perché? La magica tessera non è certo priva di denari!"
E tosto chiama i giullari che le dicono di parlare con il Sommo Ministro, che le risolverà il problema.
La mattina seguente, la padroncina telefona al Sommo Ministro. Il cerbero le risponde di chiamare altri giullari...
Così la padroncina, esclamando "PERDINDIRINDINA!" , parla con un altro giullare, il quale le dice che va tutto bene, tra pochi giorni riceverà una nuova tessera magica.
"Ma perché si è verificato codesto inghippo?", chiede la padroncina, legittimamente curiosa.
"Non v'è risposta a simili domande, mylady", risponde solerte il giullare, "forse un tentativo di balordi, oppure chissà..."
La padroncina saluta cordialmente e attende di ricevere la nuova tesserina magica.
E vissero felici e pezzenti.
Morale della favola: non sarà forse meglio il caro, vecchio mucchietto di banconote?
Ciao a tutti,
C.

1 commento:

ChiccoDiRiso ha detto...

Miii che scocciatura!!!
E poi a Dicembre, voglio dire, sotto le feste!
Ma che disgraziati questi del P.I.!